sito88euro

inchiestabanner

×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_tags, Componente non trovato

Valutazione attuale: 2 / 5

Star ActiveStar ActiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

Palagonia - Era il 13 giugno 2012 quando a Palagonia, il sindaco Valerio Marletta rispondeva ad alcuni cittadini che avevano protestato per l'adesione del comune di palagonia alla raccolta differenziata con Kalat ambiente che già allora appariva essere in odor di criminalità e già in liquidazione in questo modo dalla sua pagina facebook:

 

Marletta: " Qualcuno diffonde notize false sul web. Si dice che l'amministrazione comunale ha annunciato nelle scorse settimane l'adesione di Palagonia alla Kalat Ambiente. Noi non abbiamo mai diffuso questa notizia. Abbiamo invcece diffuso l'ordinanzasindacale(la prima del sindaco Marletta) di adesione del nostro comune al “Progetto sperimentale sulla gestione integrata dei rifiuti” proposto dai comuni che fino al 30 settembre fanno parte di Kalat ambiente(ato in liquidazione). La questione è molto semplice: abbiamo scelto di aderire al progetto più serio per la raccolta differenziata "porta a porta". Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa dell'ammnistrazione che diffondeva la notizia qualche settimana fa. Comprendiamo che qualcuno si senta ancora in campagna elettorale, ma diffondere notize false è da vigliacchi. "

Oggi veniamo a conoscenza di fatti gravissimi, Traffico illecito di rifiuti, truffa e frode. Questi i reati contestati ad alcuni amministratori di Kalat Ambiente e di società di raccolta che avrebbero alterato i dati in merito alla raccolta differenziata creando un sovracosto per i comuni del calatino di milioni di euro. L'indagine è dei carabinieri.

Non solo, i delinquenti si scopre non solo non facevano alcuna raccolta differenziata frodando in questo modo gli ingenui sindaci che hanno aderito ma rivendevano l'immondizia sottoforma di compost per concime, praticamente hanno fatto mangiare alla gente la loro stessa immondizia per dirla senza tanti giri di parole.

Coinvolti quasi tutti i comuni del calatino. 

Tra gli arrestati anche Vito Digeronimo, presidente del Cda di Kalat Ambiente e commissario del policlinico di Catania, nominato dall'assessore alla sanità Lucia Borsellino. Per Digeronimo sono stati disposti i domiciliari.

Qui un articolo piu' approfondito.

http://catania.livesicilia.it/2013/05/10/rifiuti-arrestato-di-geronimo-commissario-del-policlinico-le-accuse-traffico-di-rifuti-frode-e-truffa_241212/

 

 

Joomla templates by a4joomla